Vai al contenuto

Giugno 2021

maggio 31, 2021

SABATO 5 GIUGNO – ORE 10:15

LA NAPOLI GRECO ROMANA NEGLI SCAVI DI SAN LORENZO MAGGIORE

L’itinerario avrà inizio nel cuore della Napoli greco-romana, l’attuale piazza san Gaetano, prima agorà e poi foro dell’antica Neapolis. Si proseguirà presso la chiesa e il Complesso di San Lorenzo Maggiore, dove, dopo aver visitato il chiostro, la Sala Sisto V e la Sala Capitolare, compiremo un vero e proprio salto nel tempo, scendendo di alcuni metri e ritrovandoci…tra i vicoli dell’antica Neapolis!

All’età greca rimanda il tracciato di una strada, uno stenopos, poi definito cardo di Neapolis. L’antica via correva lungo il lato orientale di un articolato edificio romano che altro non era che l’antico macellum, il mercato cittadino.

La costruzione si componeva di una serie di nove tabernae, in cui si svolgevano attività commerciali e artigianali: vi si sono individuati un forno e vasche per la tintura dei tessuti. Alla fine del cardine, sulla destra, si giunge al criptoportico (mercato coperto), suddiviso in piccoli ambienti comuncanti e dotati di banconi in muratura per l’esposizione delle merci.

PROGRAMMA
10:15 – Raduno partecipanti presso piazza San Gaetano, all’ingresso della chiesa di San Lorenzo Maggiore – Napoli

DURATA due ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO € 10,00 comprensivo di auricolari
(Escluso biglietto di ingresso al sito di € 7,00 anziché € 9,00)

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto e dotato di auricolari per amplificare la voce e garantire le distanze. Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

————————————–

SABATO 5 GIUGNO – ORE 17:30

A SPASSO NEL TEMPO SULLA COLLINA DI PIZZOFALCONE

La Cooperativa SIRE vi propone un viaggio a ritroso alla scoperta delle origini della città di Napoli sulla collina dove nacque Partenope.

l nome di Pizzofalcone risale alla metà del Duecento e deriva dall’attività di caccia con il falcone che Carlo I d’Angiò svolgeva in questa zona all’ epoca esterna alle mura della città.

Con il passare dei secoli vari complessi religiosi vi furono realizzati, tra i quali il noviziato dei Gesuiti, con annessa chiesa dedicata alla Madonna Annunziata, diventato Scuola della Nunziatella (che vedremo dall’esterno) a partire dal 1787. Esso costituisce uno dei più antichi istituti di formazione militare d’Italia e del mondo.

Alla collina è legato anche il nome di importanti palazzi nobiliari, come palazzo Serra di Cassano (esterno), opera dell’architetto Ferdinando Sanfelice e legato agli eventi della Repubblica Napoletana del 1799.

Attraverso salita Echia arriveremo sulla cima della collina, dove c’è il sito archeologico di Monte Echia, con i resti della villa di Licinio Lucullo. Tramite le rampe di Pizzofalcone, lungo le quali si può ammirare Villa Ebe (esterno), costruita nel 1922 secondo il gusto e lo stile neogotico dal l’eclettico architetto ed urbanista Lamont Young, scenderemo al Chiatamone dove, all’ombra del Castel dell’Ovo , si concluderà l’itinerario.

PROGRAMMA
ore 17:30 Appuntamento in Piazza Plebiscito ai piedi della scala che conduce alla Basilica di San Francesco di Paola

DURATA due ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO € 10,00 – comprensiva di auricolari

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale. Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

————————————–

DOMENICA 6 GIUGNO – ORE 10:30

VIAGGIO NELL’ARISTOCRAZIA ROMANA: LA VILLA DI POPPEA AD OPLONTI

La cooperativa Sire invita tutti ad un emozionante viaggio archeologico: conosceremo la meravigliosa Villa di Poppea, un dedalo di ambienti caratterizzato da porticati, cucine, saloni e giardini, dove potrete rivivere a pieno la sensazione di camminare in un’antica villa romana, probabilmente appartenuta a Poppea Sabina, seconda moglie di Nerone. Nel 1997 gli scavi sono stati dichiarati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

PROGRAMMA
10:30 Raduno presso l’ingresso Scavo archeologico di Oplonti in via Sepolcri a Torre Annunziata
(che è poco distante dalla fermata della circumvesuviana, fermata “Torre Annunziata/Oplonti”)
DURATA: 90 minuti circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di auricolari) ESCLUSO biglietto di ingresso : euro 5,00

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.
Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

————————————–

VENERDI’ 11 GIUGNO – ORE 16:30

PER TUTTI GLI DEI DELL’OLIMPO: LE DIVINITA’ DEL MANN

La Cooperativa SIRE propone una visita guidata al Museo Archeologico per i bambini e le loro famiglie per conoscere gli dei dell’Olimpo attraverso le statue della collezione Farnese.Giove, Era, Minerva, Apollo, Diana ma anche semidei come Ercole, ci daranno l’occasione per capire come è nato il Museo, quale fu l’idea di Ferdinando di Borbone ma, soprattutto, di scoprire i tanti miti sugli dei dell’Olimpo, tanto potenti ed immortali quanto simili agli umani nei sentimenti, nelle emozioni e nei vizi.

La visita è consigliata a bambini e ragazzi dai 7 agli 11 anni.

APPUNTAMENTO Ore 16:30 all’ingresso del Museo Archeologico Nazionale

DURATA 90 minuti circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO
Bambini: euro 10,00
Genitori accompagnatori: euro 5,00

È ESCLUSO il costo di ingresso al Museo, gratuito per i minorenni e di euro 15,00 per gli adulti. Per scontistica e gratuità consultate il sito ufficiale al link https://www.museoarcheologiconapoli.it/…/orari-e-tariffe/

La PRENOTAZIONE è OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà dotato di auricolari per amplificare la voce e garantire le distanze.

INFO E PRENOTAZIONI cultura@sirecoop.it / 392.2863436

————————————–

SABATO 12 GIUGNO – ORE 10:15

DALLA CHIESA DI SANT’ANTONIO ABATE A PORTA CAPUANA

Il percorso riguarderà la storia della chiesa e del Borgo di Sant’Antonio Abate, conosciuto dai napoletani come o Bùvero, noto per il suo storico mercato giornaliero e terminerà a porta Capuana, alla fine del borgo.La chiesa di Sant’Antonio Abate fu fondata dalla regina Giovanna I nel 1370 e annessa ad un lebbrosario esistente sin dal 1313, era servita dai monaci ospedalieri Antoniani che avevano il privilegio di far scorazzare liberamente per la città i loro maiali, allevati per fornire il grasso degli unguenti usati nella cura della lebbra.Scopriremo quindi la storia del Santo e il suo legame con gli animali, la tradizione ancora viva oggi di farli benedire il giorno della sua festa, cosa era il così detto “fuoco di Sant’Antonio” ma anche le trasformazioni urbanistiche che hanno interessato la zona nel corso dei secoli e le opere conservate all’interno della chiesa, sia medievali che più moderne, come il San Gennaro d Luca Giordano o la Madonna con bambino, in marmo, il cui volto sarebbe secondo alcuni qUello della regina Giovanna.

APPUNTAMENTO 10:15 all’ingresso della chiesa in via Foria, 302 – Napoli

DURATA due ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO € 10,00 – comprensiva di auricolari

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

————————————–

DOMENICA 13 GIUGNO – ORE 17:30

IL PETRAIO: PANORAMI TRA GRADINI DAL VOMERO A CHIAIA

La Cooperativa Sire vi accompagnerà lungo la discesa del Petraio, un percorso pieno di scorci suggestivi e di angoli pieni di fascino che scende dal Vomero fino al Corso Vittorio Emanuele, seguendo il corso di un antico alveo torrentizio che attraversava dalla collina. L’itinerario si snoda attraverso un “borgo” dove in un’atmosfera sospesa si alternano macchie di verde, portici e improvvisi squarci di panorama. Dopo essere arrivati al corso Vittorio Emanuele, si continuerà a scendere attraverso uno dei percorsi di Chiaia, per conoscere altri luoghi spesso meno battuti ma che conservano la memoria di altri tempi, come la zona di San Carlo alle Mortelle. Il percorso si concluderà a via Filangieri, alla fine delle rampe Brancaccio, da dove si iniziano a scorgere i primi edifici Liberty della città.

PROGRAMMA
ore 17:30 Appuntamento con gli operatori SIRE Coop presso l’uscita MORGHEN della funicolare di Montesanto (è l’ultima fermata)

DURATA due ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO € 10,00 (comprensivo di radioguide)

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.
E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

——————————–

SABATO 19 GIUGNO – ORE 10:15

LA SANITA’ DA PORTA SAN GENNARO ALLA BASILICA DI SAN VINCENZO

Una mattina alla scoperta della Sanità, a partire da porta San Gennaro (da poco restaurata), accesso al Rione che nasce e si sviluppa come borgo fuori le mura, fino alla Basilica di Santa Maria della Sanità, nota anche come di San Vincenzo, il “Monacone” Santo protettore della zona. Visiteremo i palazzo nobiliari, ammireremo le opere di street art, scopriremo il progetti sociali come quello del “vicolo della cultura” e i culti religiosi più radicati in un quartiere unico di Napoli!

APPUNTAMENTO ore 10:15 a porta San Gennaro – piazza Cavour

DURATA due ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di auricolari)

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

——————————–

SABATO 19 GIUGNO – ORE 18:00

NAPOLI IN DISCESA: DA CALATA SAN FRANCESCO A PIAZZA AMEDEO

La cooperativa SIRE vi invita a percorrere in discesa Calata San Francesco, uno dei più antichi percorsi che nei secoli scorsi collegavano la collina del Vomero con il centro di Napoli.

L’itinerario partirà dalla funicolare di Chiaia di via Cimarosa: giungendo a via Belvedere, scopriremo le origini del quartiere e ci immetteremo in quella che alle origini si chiamava Salita Vomero, come ancora ricorda una antica targa. Secondo alcuni la denominazione San Francesco deriva dalla presenza, nella parte bassa del percorso, della chiesa e annesso convento di San Francesco, risalente agli inizi del 1700. Secondo altri deriva dalla presenza, nella sua parte alta, di un complesso religioso dedicato a San Francesco di Paola costruito nel 1585.

Nonostante le manomissioni arbitrarie perpetrate soprattutto nel secondo Novecento, Calata San Francesco conserva ancora una sua atmosfera d’altri tempi con meravigliosi panorami e alcune residue testimonianze storiche. La discesa, che con nomi diversi incrocia grandi arterie come Corso Vittorio Emanuele e via Tasso, arriva fino a Mergellina, ma lungo il percorso, poco prima di arrivare al mare, devieremo per via Crispi, altra significativa strada napoletana, concludendo l’itinerario a piazza Amedeo.

APPUNTAMENTO ore 18:00 presso la funicolare di Chiaia in via Cimarosa

DURATA due ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO € 10,00 (comprensivo di radioguide)

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti.

Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

——————————-

DOMENICA 20 GIUGNO – ORE 18:00

LE VIE DEL LIBERTY: PASSEGGIATA NELLO STILE FLOREALE NAPOLETANO

La Cooperativa Sire vi accompagnerà in un percorso in discesa che dal Vomero arriverà a piazza Amedeo attraversando alcune delle più belle vie del Liberty napoletano: da via Palizzi a via del Parco Margherita. Attraverso queste panoramiche arterie cittadine avremo la possibilità di scoprire lo stile simbolo dell’inizio dell’inizio del Novecento, che a Napoli si è espresso soprattutto attraverso l’architettura, incrociandosi con lo stile eclettico di fine Ottocento: linee morbide e sinuose, forme floreali, colori vivaci, ferro battuto e vetro sono gli elementi principali che caratterizzeranno gli edifici sorti nei nuovi quartieri residenziali sorti tra la collina del Vomero e la parte alta di Chiaia, specchio di una società in evoluzione, dove si affermano nuovi protagonisti della vita civile.Dopo la visita i partecipanti potranno tornare al Vomero, in via Cimarosa, utilizzando la Funicolare di Chiaia in via del Parco Margherita.

APPUNTAMENTO ore 18:00 presso l’uscita CIMAROSA della Funicolare di Chiaia (è l’ultima fermata)

DURATA due ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di radioguide)

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it 

————————————-

Maggio 2021

aprile 29, 2021

Sabato 1 maggio – ore 10:30

A SPASSO NEL TEMPO SULLA COLLINA DI PIZZOFALCONE

La Cooperativa SIRE vi propone un viaggio a ritroso alla scoperta delle origini della città di Napoli sulla collina dove nacque Partenope.l nome di Pizzofalcone risale alla metà del Duecento e deriva dall’attività di caccia con il falcone che Carlo I d’Angiò svolgeva in questa zona all’ epoca esterna alle mura della città.Con il passare dei secoli vari complessi religiosi vi furono realizzati, tra i quali il noviziato dei Gesuiti, con annessa chiesa dedicata alla Madonna Annunziata, diventato Scuola della Nunziatella (che vedremo dall’esterno) a partire dal 1787. Esso costituisce uno dei più antichi istituti di formazione militare d’Italia e del mondo.Alla collina è legato anche il nome di importanti palazzi nobiliari, come palazzo Serra di Cassano (esterno), opera dell’architetto Ferdinando Sanfelice e legato agli eventi della Repubblica Napoletana del 1799.Attraverso salita Echia arriveremo sulla cima della collina, dove c’è il sito archeologico di Monte Echia, con i resti della villa di Licinio Lucullo. Tramite le rampe di Pizzofalcone, lungo le quali si può ammirare Villa Ebe (esterno), costruita nel 1922 secondo il gusto e lo stile neogotico dal l’eclettico architetto ed urbanista Lamont Young, scenderemo al Chiatamone dove, all’ombra del Castel dell’Ovo , si concluderà l’itinerario.

PROGRAMMA
ore 10:30 Appuntamento in Piazza Plebiscito ai piedi della scala che conduce alla Basilica di San Francesco di Paola
Durata: due ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO € 10,00 – comprensiva di auricolari

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale. Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

******************************************

Domenica 2 maggio – ore 10:30

NAPOLI FUORI LE MURA: DA MATERDEI ALLA STELLA

Una mattina alla scoperta di due zone poco note di Napoli nate come borghi fuori le mura della città, molto interessanti dal punto di vista artistico ed urbanistico. Partiremo dal rione Materdei e dalle sue bellezza antiche e contemporanee, come i suoi palazzi, l’antica guglia dell’Immacolata ed il Murales Partenope dell’argentino Bosoletti. La visita proseguirà poi, attraverso via Santa Teresa degli Scalzi, nel quartiere Stella, dove scopriremo la storia di palazzi nobiliari dove furono ospitati illustri personaggi della letteratura e dell’arte, vicoli e opere di street art. L’itinerario si concluderà infatti a pochi passi da piazza Cavour, presso il grande e recente murale di Antonio Cotecchia dedicato a Massimo Troisi ed Eduardo de Filippo.

PROGRAMMA
10:30 Appuntamento presso la stazione metro di Materdei, vicino la piramide in vetro
durata: 2 ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO € 10,00 – comprensiva di auricolari

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti. E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale. Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

******************************************

VENERDI’ 7 MAGGIO – ore 16:45

I GLADIATORI AL MANN

La Cooperativa SIRE vi invita al primo appuntamento alla scoperta della mostra I Gladiatori. L’esposizione, allestita nel Salone della Meridiana, raccoglie circa centosessanta opere che permettono di entrare nel mondo dei gladiatori, per scoprirne nascita ed evoluzione, quali erano le loro armi, la loro popolarità e la loro alimentazione, come si svolgeva la loro vita e quanto questi personaggi hanno influenzato la decorazione degli oggetti di vita quotidiana nei tempi antichi o hanno ispirato il mondo letterario, artistico e cinematografico in quello contemporaneo. Fulcro della mostra sono sicuramente le armi, quasi cinquanta esemplari appartenenti al MANN, ma degni di nota sono anche i reperti che permettono approfondimenti sulle venationes (i combattimenti con e tra animali), sulle differenze dei più celebri anfiteatri della Campania, sugli scheletri provenienti da York e sulle scene di lotta tra gladiatori del Mosaico Pavimentale di Augusta Raurica, vicino Basilea.

PROGRAMMA
Appuntamento ore 16:45 sotto il porticato di fronte all’ingresso del Museo Archeologico Nazionale.
Durata 2 ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di auricolari)
ESCLUSO biglietto di ingresso : euro 10,00 (per scontistica e gratuità sul biglietto di ingresso consultare il sito ufficiale del Museo: https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/biglietti-ed-info/orari-e-tariffe/ )

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.
E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.
Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

******************************************

VENERDI’ 14 MAGGIO  – ORE 16:45

I GLADIATORI AL MANN

La Cooperativa SIRE vi invita al primo appuntamento alla scoperta della mostra I Gladiatori. L’esposizione, allestita nel Salone della Meridiana, raccoglie circa centosessanta opere che permettono di entrare nel mondo dei gladiatori, per scoprirne nascita ed evoluzione, quali erano le loro armi, la loro popolarità e la loro alimentazione, come si svolgeva la loro vita e quanto questi personaggi hanno influenzato la decorazione degli oggetti di vita quotidiana nei tempi antichi o hanno ispirato il mondo letterario, artistico e cinematografico in quello contemporaneo. Fulcro della mostra sono sicuramente le armi, quasi cinquanta esemplari appartenenti al MANN, ma degni di nota sono anche i reperti che permettono approfondimenti sulle venationes (i combattimenti con e tra animali), sulle differenze dei più celebri anfiteatri della Campania, sugli scheletri provenienti da York e sulle scene di lotta tra gladiatori del Mosaico Pavimentale di Augusta Raurica, vicino Basilea.

PROGRAMMA
Appuntamento ore 16:45 sotto il porticato di fronte all’ingresso del Museo Archeologico Nazionale.
Durata 2 ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di auricolari)
ESCLUSO biglietto di ingresso : euro 10,00 (per scontistica e gratuità sul biglietto di ingresso consultare il sito ufficiale del Museo: https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/biglietti-ed-info/orari-e-tariffe/ )

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.
E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.
Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it
 

******************************************  

SABATO 15 MAGGIO  – ORE 10:30

SANT’ANTONIO AI MONTI E PIGNASECCA TRA SCORCI, LEGGENDE ED ARTE

La Cooperativa Sire vi accompagnerà in una passeggiata tutta in discesa, tra vicoli, palazzi nobiliari e scorci unici che da Corso Vittorio Emanuele, tra le discese ed i gradini di salita Sant’Antonio ai Monti, luogo poco noto che conserva ancora il fascino dei vicoli non toccati dal turismo, ci condurrà alla Pignasecca, storico e vivace mercato che conserva segreti tra chiese e palazzi. Sapevate per esempio che il nome Pignasecca deriva da una leggenda legata alle gazze ladre? E che nella chiesa carmelitana di Santa Maria di Montesanto, tappa del percorso, è sepolto Alessandro Scarlatti? Proseguiremo attraverso le strade e le leggende del quartiere fino ad arrivare a Palazzo Mastelloni e palazzo Trabucco, splendide architetture napoletane adiacenti a piazza Carità, dove si concluderà l’itinerario.

PROGRAMMA
ore 10:30 – appuntamento uscita fermata funicolare “Corso Vittorio Emanuele” (Funicolare di Montesanto), Napoli
Durata 2 ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di radioguide)

N.B. La PRENOTAZIONE È OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). La visita si effettua al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti. Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale. Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 392.2863436 – cultura@sirecoop.it

******************************************   

DOMENICA 16 MAGGIO  – ORE 17:15

NAPOLI FUORI LE MURA: TRA TARSIA, PONTECORVO E VENTAGLIERI

In occasione del Maggio dei Monumenti 2021 la Cooperativa SIRE propone un itinerario in discesa che da piazza Mazzini conduce a Montesanto attraverso vicoli che oggi sono parte integrante, anche se meno nota, della città ma che sono stati in passato sentieri di collegamento tra la zona collinare e la Napoli entro le mura, ospitando per la salubrità dell’aria e la bellezza del panorama ordini monastici e famiglie nobiliari i cui nomi hanno lascito il segno nella toponomastica locale. Via Tarsia con il palazzo Spinelli, via Ventaglieri, salita Pontecorvo: sono i vicoli posti tra l’antica Infrascata e la Pignasecca dove – tra frammenti di street art e scorci panoramici, edicole sacre e fondaci – scopriremo una Napoli antica, fatta di leggende e culti pagani e cristiani, che quotidianamente si rinnova.

PROGRAMMA
17:15 Appuntamnto a piazza Mazzini – Napoli
durata: 2 ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di radioguide)

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale. Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 392.2863436 – cultura@sirecoop.it 

******************************************

VENERDI’ 21 MAGGIO – ORE 17:00

I GLADIATORI AL MANN

La Cooperativa SIRE vi invita alla scoperta della mostra I Gladiatori. L’esposizione, allestita nel Salone della Meridiana, raccoglie circa centosessanta opere che permettono di entrare nel mondo dei gladiatori, per scoprirne nascita ed evoluzione, quali erano le loro armi, la loro popolarità e la loro alimentazione, come si svolgeva la loro vita e quanto questi personaggi hanno influenzato la decorazione degli oggetti di vita quotidiana nei tempi antichi o hanno ispirato il mondo letterario, artistico e cinematografico in quello contemporaneo. Fulcro della mostra sono sicuramente le armi, quasi cinquanta esemplari appartenenti al MANN, ma degni di nota sono anche i reperti che permettono approfondimenti sulle venationes (i combattimenti con e tra animali), sulle differenze dei più celebri anfiteatri della Campania, sugli scheletri provenienti da York e sulle scene di lotta tra gladiatori del Mosaico Pavimentale di Augusta Raurica, vicino Basilea.

PROGRAMMA
Appuntamento ore 17:00 sotto il porticato di fronte all’ingresso del Museo Archeologico Nazionale.
Durata 2 ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di auricolari)
ESCLUSO biglietto di ingresso : euro 10,00 (per scontistica e gratuità sul biglietto di ingresso consultare il sito ufficiale del Museo: https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/biglietti-ed-info/orari-e-tariffe/ )

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.
E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.
Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

******************************************

SABATO 22 MAGGIO – ORE 10:30

ANGOLI DI PARADISO BAROCCO: CHIESA E CHIOSTRO DI SAN GREGORIO ARMENO

Il complesso monastico di San Gregorio Armeno è un gioiello dell’architettura barocca napoletana. La chiesa conserva le spoglie di Santa Patrizia, vergine discendente dell’imperatore Costantino che nel IV secolo naufragò sulle coste della città, dove sarebbe morta il 13 agosto del 365. Le doti miracolose di Santa Patrizia, già note nel secolo XII, per il trasudamento della manna ed in seguito per la liquefazione del sangue, hanno trovato a Napoli nei secoli ed ancora oggi, eco pari a quelle del più celebre patrono della città, San Gennaro.

Visiteremo la chiesa, che conserva autentici tesori d’arte, dagli affreschi di Luca Giordano al soffitto ligneo del fiammingo Teodoro d’Errico ed il bellissimo chiostro del 1580, che conserva l’accesso all’antica cappella dell’Idra, il coro dal quale è possibile godere di un affaccio unico sulla navata della chiesa e al centro, fra le piante di agrumi, una fontana marmorea e le statue di Cristo e della Samaritana (1733) del Bottigliero.

Un angolo di paradiso nel cuore di Napoli!

PROGRAMMA
10:30 – Appuntamento presso piazza San Gaetano, all’ingresso della chiesa di San Lorenzo Maggiore – Napoli
Durata 2 ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di radioguide)

ESCLUSO biglietto di ingresso al chiostro di euro 4,00)

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.
E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.
Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

******************************************

DOMENICA 23 MAGGIO – ORE 10:45

IL BORGO DI POSILLIPO: VISITA ALL’ANTICO CASALE

Una visita per scoprire uno dei luoghi “remoti” della città di Napoli, dove le stradine e gli scorci regalano un’atmosfera antica: il Casale di Posillipo. Un luogo che si distingue dal resto del quartiere e che affonda le sue origini nella necessità da parte dei pescatori di difendersi dalle incursioni nemiche lungo la costa. Un villaggio che si è sviluppato intorno alla Chiesa di Santo Strato, legata a un culto portato da tre religiosi provenienti dalla Grecia, che riuscirono a guadagnare una somma di denaro esibendosi nelle vie di Napoli come giocolieri ed investita nel 1266 per costruite una chiesa in onore del Santo.
Dal Medioevo questa zona di Posillipo si è andata sviluppando come borgo agricolo e con l’insediamento di alcune comunità religiose, costituenti generalmente delle diramazioni periferiche degli ordini residenti nel centro di Napoli. Santostrato rappresenta il più grande nucleo abitato della collina dove sono ancora presenti , le testimonianze di un’architettura minore a vocazione agricolo-residenziale e che restituisce al visitatore panorami inaspettati.

PROGRAMMA
10:45 Raduno dei partecipanti: incrocio via Giovanni Pascoli – via Alessandro Manzoni (di fronte c’è la fermata del bus C21)
Durata 90 minuti circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO € 10,00 (comprensivo di radioguide)

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.
E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.
Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

******************************************

SABATO 29 MAGGIO – ORE 16:45

DALLA CHIESA DEI MIRACOLI AL PARADISIELLO

Un pomeriggio in compagnia della cooperativa Sire per conoscere una zona urbana di Napoli, a monte dell’attuale via Foria, dove si costruirono, nei secoli XVI e XVII, diversi complessi monastici, tra i quali quello di Santa Maria dei Miracoli, che diede nome a tutto il quartiere.

La chiesa e l’annesso convento vennero fondati nel 1616 dai padri Riformati Conventuali di San Lorenzo e, successivamente, nel 1660 fu acquistato dai Governatori del palazzo del Pio Monte per fondare un educandato femminile e per comprare altri immobili e giardini della zona per ampliare il complesso. Nel 1790, la facciata venne risistemata, mentre l’interno, a croce latina con navata unica e cappelle laterali, conserva numerose decorazioni di Giovan Domenico Vinaccia mentre tra i dipinti numerose sono le opere di Andrea Malinconico e Luca Giordano.

Percorreremo poi il tratto parallelo a via Foria che collega la zone dei Miracoli con il Paradisiello che, attraverso 150 gradini che si inerpicano tra antichi palazzi nobiliari, orti e giardini, conduce in un piccolo borgo fuori dal tempo, presso il quale si gode di un bellissimo (paradisiaco) panorama sulla città di Napoli!

PROGRAMMA
Appuntamento ore 16:45 a porta San Gennaro – piazza Cavour

Durata 2 ore circa


CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di auricolari)

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.
E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.
Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

******************************************

DOMENICA 30 MAGGIO – ORE 10:15

I GLADIATORI AL MANN

La Cooperativa SIRE vi invita alla scoperta della mostra I Gladiatori. L’esposizione, allestita nel Salone della Meridiana, raccoglie circa centosessanta opere che permettono di entrare nel mondo dei gladiatori, per scoprirne nascita ed evoluzione, quali erano le loro armi, la loro popolarità e la loro alimentazione, come si svolgeva la loro vita e quanto questi personaggi hanno influenzato la decorazione degli oggetti di vita quotidiana nei tempi antichi o hanno ispirato il mondo letterario, artistico e cinematografico in quello contemporaneo. Fulcro della mostra sono sicuramente le armi, quasi cinquanta esemplari appartenenti al MANN, ma degni di nota sono anche i reperti che permettono approfondimenti sulle venationes (i combattimenti con e tra animali), sulle differenze dei più celebri anfiteatri della Campania, sugli scheletri provenienti da York e sulle scene di lotta tra gladiatori del Mosaico Pavimentale di Augusta Raurica, vicino Basilea.

PROGRAMMA
Appuntamento ore 10:15 sotto il porticato di fronte all’ingresso del Museo Archeologico Nazionale.
Durata 2 ore circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO euro 10,00 (comprensivo di auricolari)
ESCLUSO biglietto di ingresso : euro 10,00 (per scontistica e gratuità sul biglietto di ingresso consultare il sito ufficiale del Museo: https://www.museoarcheologiconapoli.it/it/biglietti-ed-info/orari-e-tariffe/ )

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.
E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.
Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

INFO E PRENOTAZIONI 3922863436 – cultura@sirecoop.it

******************************************

DOMENICA 30 MAGGIO – ORE 10:15

PASSEGGIATA NEL MITO TRA LUCCIOLE E STORIA SUL LAGO D’AVERNO

L’Associazione Natura SottoSopra e la Cooperativa Sire Coop vi invitano a trascorrere una serata tra archeologia, mito e natura lungo le sponde del Lago d’Averno, alla scoperta della sua storia, della sua flora e fauna. Il nome Averno significa, dal greco, privo di uccelli. Anticamente, infatti, le esalazioni tossiche, di origine vulcanica, impedivano agli animali di sorvolare lo specchio d’acqua, alimentando la leggenda che qui fosse collocata la Porta degli Inferi.
In questo luogo intriso di mito e storia dimorava, secondo Virgilio, un’antico culto oracolare, quello della Sibilla; fu, inoltre, in età romana parte dell’enorme complesso militare del Portus Iulis. Ammireremo anche resti del cosiddetto Tempio di Apollo – in realtà un grande complesso termale di età imperiale. L’Averno è l’unico lago di origine interamente vulcanica, formatosi circa 4000 anni fa, e oggi la sua avifauna si presenta ricca e variegato.
La passeggiata sarà ancora più suggestiva grazie alla presenza delle lucciole, insetti che di notte si illuminano e ci indicheranno il percorso da seguire.

I nostri esperti vi guideranno alla scoperta delle caratteristiche peculiari delle diverse specie tipiche della macchia mediterranea che crescono lungo le sponde del lago e dei miti che hanno avvolto la storia del lago.

Lunghezza: 3 km
Dislivello: 0 m Difficoltà: T (Turistica).

PROGRAMMA
19:30 Appuntamento nei pressi del ristorante Caronte, su via Lago d’Averno lato destro – Pozzuoli.
Durata due ore circa

N. B. si consiglia di parcheggiare all’inizio di via lungo lago (uscita tangenziale Pozzuoli-Arcofelice)

Contributo organizzativo comprensiva di una guida turistica e una guida escursionistica (iscritta AssoGuide):
– 12,00 € a persona
– 7,00 € per i ragazzi tra 7 e 15 anni
– gratuito < 6 anni.


N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.
E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.
Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

Si consiglia di indossare scarpe comode.
Inoltre, si ricorda che per poter vedere le lucciole e’ necessario stare al buio quindi non e’ consentito portare le torce o usare i cellulari, il percorso permette di camminare senza pericoli sfruttando le luci dell’ambiente che ci circonda.
La presenza delle lucciole varia in base alle condizioni climatiche non sempre prevedibili, l’organizzazione non si assume la responsabilita’ per un mancato o scarso incontro con le lucciole.

INFO E PRENOTAZIONI
Cooperativa SIRE 392 2863436 – cultura@sirecoop.it
Natura Sottosopra 3337750417 – info@naturasottosopra.it

******************************************

Aprile 2021

aprile 18, 2021

Sabato 24 aprile – ore 10:30

ANTICHI SENTIERI NAPOLETANI: IL SERBATORIO ALLO SCUDILLO

La Cooperativa Sire e l’Associazione Natura Sottosopra propongono una mattinata alla scoperta del Serbatoio allo Scudillo, antica strada di collegamento del centro di Napoli con la zona collinare che partendo dal rione Sanità arriva ai Colli Aminei. Il percorso avrà inizio da Materdei, da lì ci inoltreremo in via del Serbatoio, percorrendone solo un tratto in quanto da anni la strada è interrotta da una folta vegetazione. Avremo così la possibilità di passare da un panorama urbano ad uno più verdeggiante osservando un percorso in parte naturale, fatto sia di vegetazione spontanea sia di campi coltivati. La strada nasce lungo un vallone modellato dall’incanalarsi delle acque piovane, che nel corso dei secoli è stato modificato in base alle esigenze dell’uomo aprendo cave di tufo a cielo aperto, costruendo poderi e terrazzamenti per usi agricoli.

PROGRAMMA
10:30 Incontro presso la metropolitana di Materdei, vicino la piramide in vetro.
Durata: 90 minuti circa

Contributo organizzativo
€ 10,00 a persona
€ 6,00 per i ragazzi tra 7 e 15 anni

N.B. PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale.
Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

Vi ricordiamo che in zona arancione non sono permessi spostamenti fuori dal comune di residenza.
La visita, pertanto, è rivolta ai residenti del comune di Napoli.

INFO E PRENOTAZIONI
Cooperativa SIRE 392 2863436 / cultura@sirecoop.it
Natura Sottosopra 333 7750417 / info@naturasottosopra.it 

******************************************

Domenica 25 aprile – ore 10:45

IL BORGO DI POSILLIPO: VISITA ALL’ANTICO CASALE

Una visita per scoprire uno dei luoghi “remoti” della città di Napoli, dove le stradine e gli scorci regalano un’atmosfera antica: il Casale di Posillipo. Un luogo che si distingue dal resto del quartiere e che affonda le sue origini nella necessità da parte dei pescatori di difendersi dalle incursioni nemiche lungo la costa. Un villaggio che si è sviluppato intorno alla Chiesa di Santo Strato, legata a un culto portato da tre religiosi provenienti dalla Grecia, che riuscirono a guadagnare una somma di denaro esibendosi nelle vie di Napoli come giocolieri ed investita nel 1266 per costruite una chiesa in onore del Santo. Dal Medioevo questa zona di Posillipo si è andata sviluppando come borgo agricolo e con l’insediamento di alcune comunità religiose, costituenti generalmente delle diramazioni periferiche degli ordini residenti nel centro di Napoli. Santostrato rappresenta il più grande nucleo abitato della collina dove sono ancora presenti , le testimonianze di un’architettura minore a vocazione agricolo-residenziale e che restituisce al visitatore panorami inaspettati.

PROGRAMMA
10:45- Raduno dei partecipanti: incrocio via Giovanni Pascoli – via Alessandro Manzoni (di fronte c’è la fermata del bus C 21)
Durata: 90 minuti circa

CONTRIBUTO ORGANIZZATIVO € 10,00 (comprensivo di radioguide)

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA via mail o telefono (fino ad esaurimento posti). Tramite mail inviare nome, cognome, numero di cellulare e numero di prenotanti. Si prega di prenotare entro il giorno precedente le visite così da consentirci il raggiungimento del numero minimo partecipanti.

E’ obbligatorio l’uso della mascherina; il gruppo sarà ridotto nel rispetto delle regole di distanziamento sociale. Si raccomanda ai partecipanti di tenere almeno 1 mt. di distanza reciproca lungo il percorso.

Vi ricordiamo che in zona arancione non sono permessi spostamenti fuori dal comune di residenza. La visita, pertanto, è rivolta ai residenti del comune di Napoli.

INFO E PRENOTAZIONI 392/2863436 – cultura@sirecoop.it

Febbraio 2021

febbraio 2, 2021

Sabato 6 febbraio

MATTINA_Nuovo percorso: dai Quartieri Spagnoli a Chiaia

La Cooperativa Sire propone un nuovo itinerario che si snoderà dai vicoli dei Quartieri Spagnoli fino al ponte di Chiaia, svelando toponimi, storie, architetture, opere d’arte antiche e contemporanee che si incontrano tra gli slarghi inaspettati e gli stretti vicoli che costituiscono quel reticolo di strade voluto da don Pedro de Toledo per accogliere le guarnigioni militari spagnole. Parleremo della trasformazione urbanistica che la zona ha subito nel corso dei secoli, del principe di Cariati e delle sue piantagioni di gelso, delle epidemie di colera, degli antichi mestieri e della figura di Eleonora Pimentel Fonseca, che in questi luoghi visse gran parte delle sue vicende, con il percorso che terminerà a via Chiaia.

******************************

Domenica 7 febbraio

MATTINA_Napoli fuori le mura: passeggiando tra Tarsia, Ventaglieri e Pontecorvo

La Cooperativa SIRE propone un itinerario in discesa che da piazza Mazzini conduce a Montesanto attraverso vicoli che oggi sono parte integrante, anche se meno nota, della città ma che sono stati in passato sentieri di collegamento tra la zona collinare e la Napoli entro le mura, ospitando per la salubrità dell’aria e la bellezza del panorama ordini monastici e famiglie nobiliari i cui nomi hanno lascito il segno nella toponomastica locale. Via Tarsia con il palazzo Spinelli, via Ventaglieri, salita Pontecorvo, sono tra i vicoli posti tra l’antica Infrascata e la Pignasecca, dove, tra frammenti di street art e scorci panoramici, edicole sacre e fondaci, scopriremo una Napoli antica, fatta di leggende, culti pagani e cristiani, che quotidianamente si rinnova.

******************************

Venerdì 12 febbraio

Pomeriggio_Gli etruschi al MANN

La cooperativa Sire vi invita a scoprire la mostra Gli Etruschi e il MANNL’esposizione, composta da seicento reperti, molti dei quali visibili la prima volta, abbraccia un arco temporale che va dal X al IV secolo a. C. e permette di ricostruire la storia di questa   popolazione ed il loro sviluppo nel tempo.Le due sezioni di cui si compone la mostra permettono sia di approfondire la presenza Etrusca nel Mezzogiorno sia di mostrare materiali acquisiti dal Museo sul mercato collezionistico, di provenienza etrusco-italica. Ad arricchire l’esposizione napoletana, infine, uno straordinario gruppo di materiali dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia: si tratterà dell’intero corredo della celeberrima Tomba Bernardini da Palestrina (675-650 a.C.), sepoltura tra le più ricche e famose che il mondo antico ci abbia restituito. La visita proseguirà alla scoperta dei pezzi più importanti della Collezione Farnese, al primo piano del Museo.

******************************

Sabato 13 febbraio

MATTINA_Napoli nascosta: passeggiata lungo il decumano superiore

Il decumano superiore è certamente quello meno conosciuto e frequentato dei tre che compongono il centro antico di Napoli: allo stesso tempo però è quello di capace di regalare un’atmosfera più quotidiana a contatto con lo straordinario carico di storia della città. I resti greco-romani, le edicole sacre, i portali di palazzi e strutture monastiche, le iscrizioni, i toponimi ma anche le opere di street art più moderne raccontano il passato e il presente di una città che vive, cambia e si modifica da oltre 2500 anni. L’itinerario attraverso il decumano superiore partirà da porta San Gennaro e finirà a via Duomo e lungo il percorso capiremo come ogni angolo della città possa nascondere segreti e storie.

******************************

Domenica 14 febbraio

MATTINA_Napoli fuori le mura: passeggiando tra Tarsia, Ventaglieri e Pontecorvo

La Cooperativa SIRE propone un itinerario in discesa che da piazza Mazzini conduce a Montesanto attraverso vicoli che oggi sono parte integrante, anche se meno nota, della città ma che sono stati in passato sentieri di collegamento tra la zona collinare e la Napoli entro le mura, ospitando per la salubrità dell’aria e la bellezza del panorama ordini monastici e famiglie nobiliari i cui nomi hanno lascito il segno nella toponomastica locale. Via Tarsia con il palazzo Spinelli, via Ventaglieri, salita Pontecorvo, sono tra i vicoli posti tra l’antica Infrascata e la Pignasecca, dove, tra frammenti di street art e scorci panoramici, edicole sacre e fondaci, scopriremo una Napoli antica, fatta di leggende, culti pagani e cristiani, che quotidianamente si rinnova.

******************************

Venerdì 19 febbraio

Pomeriggio_Gli etruschi al MANN

La cooperativa Sire vi invita a scoprire la mostra Gli Etruschi e il MANNL’esposizione, composta da seicento reperti, molti dei quali visibili la prima volta, abbraccia un arco temporale che va dal X al IV secolo a. C. e permette di ricostruire la storia di questa   popolazione ed il loro sviluppo nel tempo.Le due sezioni di cui si compone la mostra permettono sia di approfondire la presenza Etrusca nel Mezzogiorno sia di mostrare materiali acquisiti dal Museo sul mercato collezionistico, di provenienza etrusco-italica. Ad arricchire l’esposizione napoletana, infine, uno straordinario gruppo di materiali dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia: si tratterà dell’intero corredo della celeberrima Tomba Bernardini da Palestrina (675-650 a.C.), sepoltura tra le più ricche e famose che il mondo antico ci abbia restituito. La visita proseguirà alla scoperta dei pezzi più importanti della Collezione Farnese, al primo piano del Museo.

******************************

Sabato 20 febbraio

Mattina_Passeggiando tra natura e mito verso il faro di Capo Miseno

Punta estrema della caldera dei Campi Flegrei, Capo Miseno rappresenta un antico edificio vulcanico adesso ricco di vegetazione, dai terrazzamenti coltivati a vigneto e frutteto si passa al fitto bosco e alla macchia mediterranea. Diffuso è l’asfodelo, anticamente i greci usavano piantare gli asfodeli sulle tombe, considerando i prati di asfodelo il soggiorno dei morti. Dalla spiaggia di Miseno si percorrono le stradine della frazione fino all’inizio del tunnel che porta al faro, da qui si risale sulla destra dove si incontra il sentiero lastricato di blocchi di tufo che ci porta in cima a circa 150 m. Proseguendo il sentiero diventa panoramico affacciandosi prima verso la spiaggia di Miseno e poi verso il Golfo di Pozzuoli. Lungo il percorso di ritorno si passa davanti la Chiesa di San Sossio e il Sacello degli Augustali.

Programma

******************************

Domenica 21 febbraio

Mattina_Napoli fuori le mura: da Materdei alla Stella

Una mattina alla scoperta di due zone poco note di Napoli nate come borghi fuori le mura della città, molto interessanti dal punto di vista artistico ed urbanistico. Partiremo dal rione Materdei e dalle sue bellezza antiche e contemporanee, come i suoi palazzi, l’antica guglia dell’Immacolata ed il Murales Partenope  dell’argentino Bosoletti. La visita proseguirà poi, attraverso via Santa Teresa degli Scalzi, nel quartiere Stella, dove scopriremo la storia di palazzi nobiliari dove furono ospitati illustri personaggi della letteratura e dell’arte, vicoli e opere di street art. L’itinerario si concluderà infatti a pochi passi da piazza Cavour, presso il grande e recente murale di Antonio Cotecchia dedicato a Massimo Troisi ed Eduardo de Filippo.

Ottobre 2020

ottobre 1, 2020

Siamo nuovamente costretti a sospendere le attività, speriamo di riprendere i tour quanto prima!

sabato 3 ottobre

MATTINA_Napoli nascosta: passeggiata lungo il decumano superiore

Il decumano superiore è certamente quello meno conosciuto e frequentato dei tre che compongono il centro antico di Napoli: allo stesso tempo però è quello di capace di regalare un’atmosfera più quotidiana a contatto con lo straordinario carico di storia della città. I resti greco-romani, le edicole sacre, i portali di palazzi e strutture monastiche, le iscrizioni, i toponimi ma anche le opere di street art più moderne raccontano il passato e il presente di una città che vive, cambia e si modifica da oltre 2500 anni. L’itinerario attraverso il decumano superiore partirà da porta San Gennaro e finirà a via Duomo e lungo il percorso capiremo come ogni angolo della città possa nascondere segreti e storie.

POMERIGGIO_Nel cuore antico di Napoli: San Lorenzo Maggiore e Santa Luciella ai Librai

Vi invitiamo a partecipare al percorso che conduce al cuore di alcune delle tradizioni più forti del popolo napoletano nel Centro Antico della città. L’itinerario avrà inizio a piazza san Gaetano, prima agorà e poi foro dell’antica Neapolis. La visita alla chiesa di San Lorenzo Maggiore ci premetterà di scoprire un capolavoro straordinario in gotico francese, eretto per volere di Carlo d’Angiò. Si proseguirà presso la chiesa di Santa Luciella ai Librai, piccola cappella medievale recentemente restaurata e riaperta dopo anni di chiusura, dove le guide dell’associazione Respiriamo Arte ci spiegheranno come, nei secoli successivi, la chiesa, presa in custodia dai pipernieri, fu dedicata a Santa Lucia, protettrice della visata, per il timore degli operai che le schegge, schizzando dalla pietra, potessero conficcarsi negli occhi. Oltre alla cappella visiteremo la Terrasanta dove per molti anni è stato vivo il culto delle anime pezzentelle e, tra i vari resti, si conserva il famoso teschio con le orecchie, in passato particolarmente venerato dai napoletani per la sua capacità di ascoltare meglio le loro richieste!

**********************************

domenica 4 ottobre

MATTINA_Gemito a Capodimonte: dalla scultura al disegno

La Cooperativa SIRE vi invita al Museo di Capodimonte per visitare insieme la coinvolgente mostra dedicata a Vincenzo Gemito. L’esposizione propone oltre 150 opere dell’artista tra sculture, dipinti e disegni suddivisi in nove sezioni tematiche in cui le opere sono esposte cronologicamente e associate a quelle di artisti suoi contemporanei. Oltre alle opere provenienti dal Museo e Real Bosco di Capodimonte, altre provengono dalla Collezione Intesa Sanpaolo – Palazzo Zevallos di Srigliano, dal Museo e Certosa di San Martino e Castel Sant’Elmo, dal MANN, dalle Gallerie dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, da raccolte private e Musei internazionali come il Museo d’Orsay di Parigi, il Philadelphia Museum of Art e il Getty Museum di Los Angeles negli Stati Uniti. Dopo la visita alle prime sale del Museo, dedicate alla collezione Farnese, arriveremo alla sezione dedicata all’artista napoletano, che permetterà di approfondire tecniche, stile e di percorrere un viaggio nella sua vita tanto sofferta e tormentata quanto prolifica dal punto di vista artistico.

**********************************

sabato 11 ottobre

MATTINA_Napoli Liberty a Palazzo Zevallos

Napoli Liberty: “N’aria ‘e primmavera” è il titolo della raffinata mostra da poco inaugurata a Palazzo Zevallos di Stigliano: la visita permetterà di approfondire attraverso più di 70 opere la straordinarietà dello stile Liberty napoletano che riguarderà le arti figurative, applicate e industriali, come la stessa ristrutturazione del cortile centrale del Palazzo, bellissima testimonianza del gusto Floreale.

POMERIGGIO_Antignano e San Gennaro: il borgo e i luoghi del Santo

La Cooperativa SIRE vi propone un percorso tra le strade del Vomero alla ricerca delle sue radici storiche, incrociando luoghi legati al culto del Santo patrono di Napoli che proprio in collina testimoniano alcuni momenti importanti del fortissimo legame con la città e i suoi abitanti. Un itinerario che condurrà tra le strade di quello che era l’antico borgo di Antignano, nucleo rurale che si trovava lungo la strada che in antichità collegava Napoli e Pozzuoli e che nel Medioevo si trasforma in uno dei casali della città. Un nucleo antico che si lega alla storia di San Gennaro , il cui culto trova tra queste strade momenti di intensa devozione, testimoniata da diverse opere che oggi si trovano immerse nella città moderna ma legate alla vicenda millenaria del Santo.

**********************************

domenica 11 ottobre

MATTINA_Trionfo barocco: visita alla Certosa di San Martino

La Cooperativa Sire vi invita a visitare la Certosa di San Martino, gioiello del barocco a Napoli. Fondata nel 1325 per volere di Carlo duca di Calabria, figlio del sovrano Roberto d’Angiò, nel corso di tutto il Seicento fu trasformata ed arricchita da artisti del calibro di Cosimo Fanzago, Battistello Caracciolo, Giovanni Lanfranco, Ribera.
La visita permetterà di scoprire come vivevano i certosini all’interno del complesso, in luoghi come la sala del Capitolo, il parlatorio, la sagrestia, il chiostro del Fanzago e quello dei procuratori. Sarà inoltre possibile ammirare la più ricca collezione di presepi presente in Italia, ospitata nelle cucine del monastero, che abbracciano un arco di tempo che dal 1300 arriva fino ai più noti esempi presepe Settecentesco.

**********************************

Venerdì 16 e Sabato 17 ottobre

POMPEI DI NOTTE

Finalmente anche quest’anno il Parco Archeologico di Pompei offre ai visitatori la possibilità di ammirare le sue bellezze al chiaro di luna!!!
La passeggiata notturna partirà da Porta Marina ed interesserà principalmente l’area del Foro, la zona monumentale dove avveniva gran parte della vita pubblica della città.
La visita, frutto della collaborazione tra Stai in Mano all’Arte – Naples City Tours e la Cooperativa SIRE, vi condurrà attraverso un percorso tra edifici pubblici e botteghe di artigiani, reso ancor più suggestivo da effetti sonori e luminosi allestiti per l’occasione che catapulteranno i visitatori indietro nel tempo, in un’esperienza sensoriale irripetibile!

QUOTA PARTECIPATIVA:
Adulti: € 10,00
8 – 18 anni: € 7,00
Bambini sotto gli 8 anni: GRATISAl costo della visita guidata va aggiunto il prezzo di biglietto di ingresso,ovvero:
Intero: € 7,50 (€6,00 biglietto + €1,50 prevendita)
Ridotto Under 25/Over 65 Insegnanti e studenti: € 3,50 (€2,00 biglietto + €1,50 prevendita)
Under 18: Gratuito (senza costi di prevendita)

N.B.: I ticket vanno OBBLIGATORIAMENTE acquistati nella fascia oraria 20:00-20:30 al link:
https://www.ticketone.it/…/parco-archeologico-di…/

Ecco il VIDEO che illustra la procedura per acquistare i ticket di ingresso.Tale procedura va eseguita ANCHE PER I TICKET GRATUIT‼️

Ricordiamo inoltre che i ticket sono a NUMERO LIMITATO, pertanto NON POSSIAMO ACCETTARE LE PRENOTAZIONI DI CHI È SPROVVISTO DI TICKET DI INGRESSO‼️

Prima di avviare la procedura di acquisto del ticket chiamarci per accertarsi della disponibilità dei posti per la visita guidata.

++ PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA +++ LA QUOTA COMPRENDE: Visita Guidata con guida turistica abilitata della Regione Campania – Auricolari

DURATA DELLA VISITA: 1 ora e mezza circa

APPUNTAMENTO:
Ore 19:30 alla biglietteria di Porta Marina
La visita avrà inizio alle ore 20:00

+++ SI RACCOMANDA MASSIMA PUNTUALITA’ +++RESTANO IN VIGORE LE NORME ANTI COVID 19, OVVERO:- 😷 OBBLIGO DI INDOSSARE LA MASCHERINA – 🚻 DISTANZIAMENTO DI 1 METRO

Per info e prenotazioni
Stai in mano all’arte: Cell/WhatsApp +393519858300 oppure Email staiinmanoallarte@gmail.com Cooperativa SIRE: 3922863436 oppure cultura@sirecoop.it
specificando nominativo, numero di persone ed un recapito telefonico.

**********************************

sabato 17 ottobre

MATTINA_ Il complesso monumentale di Santa Maria la Nova, l’arte rinascimentale… e il mistero della tomba di Dracula

La visita guidata al Complesso di Santa Maria la Nova, nel centro storico di Napoli, ci condurrà alla scoperta dell’antico convento che ospita al suo interno notevoli opere dei più’ celebri artisti della Napoli di fine Cinquecento e inizio Seicento. La chiesa, detta la Nova per distinguerla da quella che un tempo sorgeva nel luogo dove venne poi edificato Castel Nuovo, venne fondata in stile gotico dai Frati Minori nell’ultimo quarto del Duecento sul terreno donato loro da Carlo I d’Angio’ nel 1279 e fu completamente rifatta a partire dal 1596. Ilchiostro piccolo è collegata alla recente ricerca avviata su una tomba nella quale studiosi internazionali sostengono che sia sepolto il conte Dracula. La vicenda ha già attirato un enorme numero di visitatori a caccia della tomba del conte!

**********************************

domenica 18 ottobre

MATTINA_Gemito a Capodimonte: dalla scultura al disegno

La Cooperativa SIRE vi invita al Museo di Capodimonte per visitare insieme la coinvolgente mostra dedicata a Vincenzo Gemito. L’esposizione propone oltre 150 opere dell’artista tra sculture, dipinti e disegni suddivisi in nove sezioni tematiche in cui le opere sono esposte cronologicamente e associate a quelle di artisti suoi contemporanei. Oltre alle opere provenienti dal Museo e Real Bosco di Capodimonte, altre provengono dalla Collezione Intesa Sanpaolo – Palazzo Zevallos di Srigliano, dal Museo e Certosa di San Martino e Castel Sant’Elmo, dal MANN, dalle Gallerie dell’Accademia di Belle Arti di Napoli, da raccolte private e Musei internazionali come il Museo d’Orsay di Parigi, il Philadelphia Museum of Art e il Getty Museum di Los Angeles negli Stati Uniti. Dopo la visita alle prime sale del Museo, dedicate alla collezione Farnese, arriveremo alla sezione dedicata all’artista napoletano, che permetterà di approfondire tecniche, stile e di percorrere un viaggio nella sua vita tanto sofferta e tormentata quanto prolifica dal punto di vista artistico.

Settembre 2020

settembre 1, 2020

sabato 5 settembre

MATTINA_Scendendo il Moiariello: passeggiata tra storia e panorami

La Cooperativa Sire vi accompagnerà in una piacevole passeggiata tutta in discesa, tra vicoli, palazzi nobliari e scorci panoramici di una bellezza unica! Da via Capodimonte scenderemo il primo tratto di via Moiariello, la cui etimologia deriva probabilmente dal termine moggio, antica misura di superficie agraria. Da qui si scorge la torre del Palasciano, corpo architettonico più noto di un grande complesso in stile neorinascimentale voluto in età post unitaria dal medico precursore della croce rossa, Ferdinando Palasciano. Percorreremo poi via Ottavio Morisani, chiamata anche la Posillipo dei poveri per il suo  panorama che si affaccia sul Golfo di Napoli, mostrandoci il Vesuvio, la penisola Sorrentina, Capri, San Martino, le cupole del centro storico! 

Programma

POMERIGGIO_Puteoli tour: visita all’anfiteatro Flavio e al Tempio di Serapide

La cooperativa Sire vi invita alla scoperta delle bellezze dell’antica città di Pozzuoli. L’itinerario partirà dall’Anfiteatro Flavio: per dimensioni è il terzo in Italia, subito dopo quello di Capua e ovviamente dopo il Colosseo di Roma. La parziale sepoltura ha preservato dalle distruzioni del tempo e dai saccheggi i sotterranei dell’edificio, intatti nella loro architettura. La visita proseguirà con una passeggiata al così detto tempio di Serapide,  in realtà un Macellum, con  la sala absidata sul fondo destinata al culto imperiale e degli dei protettori del mercato (tra cui Serapide), ci racconta attraverso le sue  colonne il fenomeno vulcanico flegreo con i buchi scavati dai molluschi marini quando il bradisismo le portava sott’acqua.

Programma

*****************************

domenica 6 settembre

MATTINA_ Stupori d’arte al Museo Diocesano: le chiese di Donnaregina Vecchia e Nuova

Un appuntamento alla scoperta dello splendido Complesso Monumentale di Donnaregina, sede del Museo Diocesano di Napoli: il complesso, che si compone della chiesa originaria gotica, Donnaregina Vecchia, e della chiesa barocca, Donnaregina Nuova, sede anche del Museo Diocesano di Napoli, è un autentico tesoro di ricchezze, con opere e affreschi che vanno dal Trecento al Settecento alle quali si aggiungono una parte consistente del patrimonio d’arte proveniente da molte chiese della città chiuse al culto.

Programma

*****************************

sabato 12 settembre

Mattina: Napoli fuori le mura: passeggiando tra Tarsia, Ventaglieri e Pontecorvo

La Cooperativa SIRE propone un itinerario in discesa che da piazza Mazzini conduce a Montesanto attraverso vicoli che oggi sono parte integrante, anche se meno nota, della città ma che sono stati in passato sentieri di collegamento tra la zona collinare e la Napoli entro le mura, ospitando per la salubrità dell’aria e la bellezza del panorama ordini monastici e famiglie nobiliari i cui nomi hanno lascito il segno nella toponomastica locale. Salita Tarsia con il palazzo Spinelli, via Ventaglieri, salita Pontecorvo, sono i vicoli posti tra l’antica Infrascata e la Pignasecca, dove, tra frammenti di street art e scorci panoramici, edicole sacre e fondaci, scopriremo una Napoli antica, fatta di leggende e culti pagani e cristiani, che quotidianamente si rinnova.

Programma

POMERIGGIO_Passeggiando tra natura e mito verso il faro di Capo Miseno

Punta estrema della caldera dei Campi Flegrei, Capo Miseno rappresenta un antico edificio vulcanico adesso ricco di vegetazione, dai terrazzamenti coltivati a vigneto e frutteto si passa al fitto bosco e alla macchia mediterranea.
Diffuso è l’asfodelo, anticamente i greci usavano piantare gli asfodeli sulle tombe, considerando i prati di asfodelo il soggiorno dei morti.
Dalla spiaggia di Miseno si percorrono le stradine della frazione fino all’inizio del tunnel che porta al faro, da qui si risale sulla destra dove si incontra il sentiero lastricato di blocchi di tufo che ci porta in cima a circa 150 m.
Proseguendo il sentiero diventa panoramico affacciandosi prima verso la spiaggia di Miseno e poi verso il Golfo di Pozzuoli. Lungo il percorso di ritorno si passa davanti la Chiesa di San Sossio e il Sacello degli Augustali.

Programma

*****************************

domenica 13 settembre

MATTINA_Le vie del Liberty, passeggiata nello stile floreale napoletano

La Cooperativa Sire vi accompagnerà in un percorso in discesa che dal Vomero arriverà a piazza Amedeo attraversando alcune delle più belle vie del Liberty napoletano: da via Palizzi a via del Parco Margherita. Attraverso queste panoramiche arterie cittadine avremo la possibilità di scoprire lo stile simbolo dell’inizio dell’inizio del Novecento, che a Napoli si è espresso soprattutto attraverso l’architettura, incrociandosi con lo stile eclettico di fine Ottocento: linee morbide e sinuose, forme floreali, colori vivaci, ferro battuto e vetro sono gli elementi principali che caratterizzeranno gli edifici sorti nei nuovi quartieri residenziali sorti tra la collina del Vomero e la parte alta di Chiaia, specchio di una società in evoluzione, dove si affermano nuovi protagonisti della vita civile.

*****************************

sabato 19 settembre

MATTINA_Meraviglie trecentesche: la Chiesa di San Giovanni a Carbonara 

La visita riguarderà la Chiesa trecentesca di San Giovanni a Carbonara, tra le più ricche di opere d’arte della città, ubicata nell’omonima strada del centro storico, così chiamata in quanto era destinata in epoca medievale a luogo di scarico dei rifiuti inceneriti. La chiesa è celebre per il monumento sepolcrale del re Ladislao, voluto dalla sorella Giovanna II d’Angiò, ultima della dinastia prima dell’avvento degli Aragonesi sul trono. La visita offrirà quindi anche l’occasione per ripercorrere il tormentato amore della regina  Giovanna II e del suo amante, assassinato per una pugnalata nel 1432 in Castel Capuano.

POMERIGGIO_ La Pietrasanta: nuovo percorso nell’acquedotto di Neapolis

La cooperativa Sire vi invita a partecipare ad un nuovo appuntamento di visita nei sotterranei della Basilica di Santa Maria Maggiore della Pietrasanta, arricchito da un nuovo percorso inaugurato da poco. Il cancello chiuso che concludeva il tour si è aperto ed è ora possibile attraversare una parte dell’acquedotto greco-romano dell’Antica Neapolis, che affascina il visitatore sin dai nomi delle sale che si susseguono in questo decumano sotterraneo lungo quasi un chilometro: dalla Cisterna dei Pozzari all’Archivio di Tufo passando per la Piscina del Principe. Un viaggio fatto di epoche e personaggi storici che si intersecano con la storia della città di Napoli, protagonista e proscenio di questo racconto senza tempo.

*****************************

domenica 20 settembre

POMERIGGIO_Itinerario tra Materdei e la Sanità ricordando le Quattro Giornate di Napoli

La Cooperativa SIRE propone un itinerario alla scoperta del  Rione Materdei e della Sanità, percorrendone le origini e la storia, ricordando episodi legati agli avvenimenti delle Quattro Giornate di Napoli, di cui a breve ricorre l’anniversario ma anche soffermandosi su aspetti più “moderni”, come i diversi murales di street che incontreremo lungo il percorso. Passando dalla guglia dell’Immacolata, scopriremo come il toponimo Materdei derivi dal culto mariano molto diffuso già dalla fine del 1500 nella zona, arricchitasi grazie alla costruzione di monumentali complessi conventuali. Tra vicoli, palazzi e storie arriveremo alla Sanità attraverso il Ponte della Sanità, risalente al decennio francese, che è oggi anche simbolo di resistenza e di liberazione. Al rione Sanità la visita si concluderà presso il murale da poco realizzato da Tono Cruz dedicato a Totò e Peppino, riproducendo una delle più divertenti scene del film “La banda degli onesti” sulla facciata di un palazzo di via Arena alla Sanità.

*****************************

Sabato 26 settembre

POMERIGGIO_Un pomeriggio ‘ngopp ‘e Quartiere: passeggiata in discesa ai Quartieri Spagnoli

Vi invitiamo ad un affascinante itinerario che ci permetterà di scoprire le ricchezze storico-artistiche dei Quartieri Spagnoli, sorti nel XVI secolo per volere di don Pedro de Toledo. La loro funzione era quella  di  accogliere le guarnigioni militari spagnole destinate alla repressione di eventuali rivolte della popolazione napoletana, oltre che come dimora temporanea per i soldati che passavano da Napoli in direzione di altri luoghi di conflitto. L’itinerario si articolerà nel reticolo di vicoli alla scoperta delle loro origini toponomastiche, degli slarghi inaspettati, dei palazzi storici che ospitarono Giacomo Leopardi durante la sua permanenza a Napoli, di complessi religiosi.  Lungo il percorso incontreremo i graffiti moderni e ironici di Cyop & Kaf, quelli del vicolo di Totò o il murale recentissimo dedicato a Luciano De Crescenzo.

Programma

*****************************

Domenica 27 settembre

MATTINA_Gli etruschi al MANN

La cooperativa Sire vi invita a scoprire la mostra Gli Etruschi e il MANN. L’esposizione, composta da seicento reperti, molti dei quali visibili la prima volta, abbraccia un arco temporale che va dal X al IV secolo a. C. e permette di ricostruire la storia di questa   popolazione ed il loro sviluppo nel tempo.Le due sezioni di cui si compone la mostra permettono sia di approfondire la presenza Etrusca nel Mezzogiorno sia di mostrare materiali acquisiti dal Museo sul mercato collezionistico, di provenienza etrusco-italica. Ad arricchire l’esposizione napoletana, infine, uno straordinario gruppo di materiali dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia: si tratterà dell’intero corredo della celeberrima Tomba Bernardini da Palestrina (675-650 a.C.), sepoltura tra le più ricche e famose che il mondo antico ci abbia restituito. La visita proseguirà alla scoperta dei pezzi più importanti della Collezione Farnese, al primo piano del Museo.

Programma

Agosto 2020

agosto 1, 2020

sabato 1 agosto

POMERIGGIO_Napoli in discesa: passeggiata da Calata San Francesco a Piazza Amedeo

La cooperativa SIRE vi invita a percorrere, al tramonto, in discesa Calata San Francesco, uno dei più antichi percorsi che nei secoli scorsi collegavano la collina del Vomero con il centro di Napoli. L’itinerario partirà dalla funicolare di Chiaia di via Cimarosa: giungendo a via Belvedere, scopriremo le origini del quartiere e ci immetteremo in quella che alle origini si chiamava Salita Vomero, come ancora ricorda una antica targa.

Programma

*******************

domenica 2 agosto

POMERIGGIO_Un pomeriggio ‘ngopp ‘e Quartiere: passeggiata in discesa ai Quartieri Spagnoli

Vi invitiamo ad un affascinante itinerario che ci permetterà di scoprire le ricchezze storico-artistiche dei Quartieri Spagnoli, sorti nel XVI secolo per volere di don Pedro de Toledo. La loro funzione era quella  di  accogliere le guarnigioni militari spagnole destinate alla repressione di eventuali rivolte della popolazione napoletana, oltre che come dimora temporanea per i soldati che passavano da Napoli in direzione di altri luoghi di conflitto. L’itinerario si articolerà nel reticolo di vicoli alla scoperta delle loro origini toponomastiche, degli slarghi inaspettati, dei palazzi storici che ospitarono Giacomo Leopardi durante la sua permanenza a Napoli, di complessi religiosi.  Lungo il percorso incontreremo i graffiti moderni e ironici di Cyop & Kaf, quelli del vicolo di Totò o il murale recentissimo dedicato a Luciano De Crescenzo.

Programma

*******************

sabato 8 agosto

POMERIGGIO_Da Corso Vittorio Emanuele alla Pignasecca tra panorami, leggende ed arte

La Cooperativa Sire vi accompagnerà in una passeggiata tutta in discesa, tra vicoli, palazzi nobiliari e scorci unici che da Corso Vittorio Emanuele, tra le discese ed i gradini di salita Sant’Antonio ai Monti, luogo poco noto che conserva ancora il fascino dei vicoli non toccati dal turismo, ci condurrà alla Pignasecca, storico e vivace mercato che conserva segreti tra chiese e palazzi. Sapevate per esempio che il nome Pignasecca deriva da una leggenda legata alle gazze ladre? E che nella chiesa carmelitana di Santa Maria di Montesanto, tappa del percorso, è sepolto Alessandro Scarlatti? Proseguiremo attraverso le strade e le leggende del quartiere fino ad arrivare a Palazzo Mastelloni e palazzo Trabucco, splendide architetture napoletane adiacenti a piazza Carità, dove si concluderà l’itinerario.

Programma

*******************

domenica 9 agosto

MATTINA_ Meraviglie di arte e fede: Visita allo straordinario Complesso delle Basiliche Paleocristiane di Cimitile

La Cooperativa Sire vi invita a una interessante visita che riguarderà il Complesso Basilicale paleocristiano di Cimitile, eccezionale esempio di arte e fede e fondamentale testimonianza nella storia della cristianità occidentale. Il complesso comprende diversi edifici fra chiese e resti di basiliche, spesso decorate con mosaici e affreschi, ed è un importantissimo monumento di arte paleocristiana, una dei maggiori in Europa.

Programma

*******************

sabato 15 agosto

MATTINA_La Napoli del Rinascimento: chiesa di Sant’Anna dei Lombardi

La visita riguarderà la chiesa di Sant’Anna dei Lombardi, detta anche di Santa Maria di Monteoliveto, uno dei simboli del Rinascimento toscano a Napoli. Fondata nel 1411 da Gurello Origlia, protonotario del re Ladislao di Durazzo, fu affidata ai padri olivetani e sottoposta a radicali lavori di ampliamento nel periodo Aragonese. Ulteriori trasformazioni si ebbero nel XVII e XVIII secolo, quando la struttura fu affidata all’Arciconfraternita dei Lombardi. La chiesa, con le sue cappelle e le opere custodite all’interno,   testimonia lo stretto legame tra la città e la Toscana, dimostrando che già a quei tempi si era insediata a Napoli una fitta “colonia” fiorentina di mercanti, artigiani e banchieri. Degne di nota, inoltre, il celebre gruppo in terracotta del Compianto di Cristo di Guido Mazzoni (1492), formato da otto statue a grandezza naturale che, secondo la tradizione, rappresenterebbero proprio i sovrani aragonesi e la Sagrestia Vecchia, già refettorio, splendido ambiente con volte affrescate nel 1544 da Giorgio Vasari.

Programma

*******************

domenica 16 agosto

MATTINA_Monastero di Santa Chiara: chiesa, chiostro, terme romane e Museo dell’Opera

La visita guidata riguarderà uno dei più grandi complessi monastici della città di Napoli, che si snoda all’interno della cittadella francescana. Dal XIV sec. la sua imponenza e la sua bellezza affascinano tutti coloro che vi si imbattono. Il Complesso Monumentale di S. Chiara fu innalzato dal 1310 al 1328 per volere del monarca Roberto D’Angiò e di sua moglie Sancia di Maiorca. I sovrani, entrambi devoti a San Francesco di Assisi e a Santa Chiara, vollero costruire una cittadella francescana che accogliesse nel monastero le Clarisse e nel convento adiacente i Frati Minori. Oggi visitarlo significa ammirare la magnifica basilica, dove Giotto operò con la sua maestria, attraversarne la storia con il Museo dell’Opera e l’Area Archeologica, restare stupiti dal bellissimo Chiostro Maiolicato e soffermarsi nella contemplazione della Sala del Presepe del ‘700.  Compreso all’interno del monastero è anche il complesso termale costituito da diversi ambienti termali e rappresenta tuttora il più completo esempio di thermae documentato a Neapolis.

Programma

domenica 16 agosto

MATTINA_Il Petraio, panorami tra gradini: passeggiata in discesa dal Vomero a Chiaia

La Cooperativa Sire vi accompagnerà lungo la discesa del Petraio, un percorso pieno di scorci suggestivi e di angoli pieni di fascino che scende dal Vomero fino al Corso Vittorio Emanuele, seguendo il corso di un antico alveo torrentizio che attraversava dalla collina.  L’itinerario si snoda attraverso un “borgo” dove in un’atmosfera sospesa si alternano macchie di verde, portici e improvvisi squarci di panorama. Dopo essere arrivati al corso Vittorio Emanuele, si continuerà a scendere attraverso uno dei percorsi di Chiaia, per conoscere altri luoghi spesso meno battuti ma che conservano la memoria di altri tempi, come la zona di San Carlo alle Mortelle. Il percorso si concluderà a via Filangieri, all’altezza di un capolavoro dell’architettura di inizio Novecento, palazzo Mannajuolo.

Programma

*******************

sabato 22 agosto nessuna visita guidata in programma

*******************

domenica 23 agosto

Mattina_Alla scoperta dell’antica Arenella: itinerario tra le strade della Napoli collinare

Un percorso che ci condurrà lungo le strade del quartiere collinare dell’Arenella, ai confini con il Vomero, poco abitato e molto rurale fino agli inizi del Novecento. Andremo alla scoperta dei suoi nuclei più antichi come la zona di Due Porte all’Arenella, raccontando di contadini e nobili, masserie e ville, arte e scienza, tra panorami inaspettati del Golfo di Napoli e sguardi insoliti sulla città bassa. Un racconto che si snoderà lungo il versante della collina fino a Materdei, attraversando i secoli fino ad incontrare la storia più recente di Napoli, seguendo strade poco battute dalla nostra frenesia moderna.

Programma

Pomeriggio_Gli etruschi al MANN

La cooperativa Sire vi invita a scoprire la mostra Gli Etruschi e il MANN. L’esposizione, composta da seicento reperti, molti dei quali visibili la prima volta, abbraccia un arco temporale che va dal X al IV secolo a. C. e permette di ricostruire la storia di questa   popolazione ed il loro sviluppo nel tempo.Le due sezioni di cui si compone la mostra permettono sia di approfondire la presenza Etrusca nel Mezzogiorno sia di mostrare materiali acquisiti dal Museo sul mercato collezionistico, di provenienza etrusco-italica. Ad arricchire l’esposizione napoletana, infine, uno straordinario gruppo di materiali dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia: si tratterà dell’intero corredo della celeberrima Tomba Bernardini da Palestrina (675-650 a.C.), sepoltura tra le più ricche e famose che il mondo antico ci abbia restituito. La visita proseguirà alla scoperta dei pezzi più importanti della Collezione Farnese, al primo piano del Museo.

Programma

*******************

sabato 29 agosto

MATTINA_Angoli di Paradiso barocco: chiesa e chiostro di San Gregorio Armeno

Il complesso monastico di San Gregorio Armeno, situato su uno dei cardini dell’antico tracciato greco-romano, è un gioiello dell’architettura barocca napoletana. Visiteremo la chiesa, che conserva autentici tesori d’arte, dagli affreschi di Luca Giordano al soffitto ligneo del fiammingo Teodoro d’Errico ed il bellissimo chiostro del 1580, che conserva l’accesso all’antica cappella dell’Idra, il coro dal quale è possibile godere di un affaccio unico sulla navata della chiesa e al centro, fra le piante di agrumi, una fontana marmorea e le statue di Cristo e della Samaritana (1733) del Bottigliero. Un angolo di paradiso nel cuore di Napoli!

Programma

POMERIGGIO_ Chiaia Liberty: storia, arte ed eleganza in riva al mare

La Cooperativa Sire vi accompagnerà in un percorso che si snoda nell’antico borgo di Chiaia alla ricerca delle più felici espressioni dell’architettura “floreale” napoletana tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento tra sinuosità di linee, vivacità dei colori e nuovi materiali.

 Storie di nobiltà decaduta, borghesi affermati, speculatori da pochi scrupoli si intrecceranno lungo le strade di nuova costruzione e antichi percorsi presso il mare, per raccontare un pezzo di storia di Napoli, dopo aver perso il ruolo di capitale e nel faticoso tentativo di affermarsi nel nuovo panorama unitario, facendo dialogare la sua lunga tradizione culturale con i nuovi fermenti provenienti da altre latitudini attraverso la realizzazione di opere di notevole fascino.

Programma

*******************

domenica 30 agosto

MATTINA_I misteri della Sibilla: visita al Parco Archeologico di Cuma

Visita guidata al Parco Archeologico dell’antica Cuma, la prima colonia greca di Occidente. Oltre all’Acropoli, dove sono visitabili i due grandi templi di Apollo e di Giove, testimoni della fase greca, visiteremo l’Antro della Sibilla, monumento più celebre di Cuma. Considerato in età romana un luogo sacro, l’antro era sede secondo la tradizione della Sacedotessa di Apollo che, ispirata dalla divinità, trascriveva in esametri i suoi vaticini su foglie di palma le quali, alla fine della predizione, erano mischiate dai venti provenienti dalle cento aperture dell’antro, rendendo i vaticini “sibillini”. Visibili dall’acropoli sono anche i resti della città bassa, con i Templi italici del Foro, i ruderi di un edificio termale detto ͞Masseria del Gigante; l’anfiteatro nonché l’Arco Felice, impiantato sul valico che fu aperto nel monte Grillo, confine orientale della città antica, per il passaggio della antica via Domitiana.

Programma

Luglio 2020

luglio 1, 2020

sabato 4 luglio

Mattina: Mito e poesia in riva al mare: il parco Vergiliano e Mergellina

Sire Coop vi invita ad un percorso all’aperto lungo duemila anni di storia, partendo dall’antica Roma per arrivare fino al Novecento. Il Parco Vergiliano è un luogo permeato di storia, cultura, arte e leggende. Secondo la tradizione qui sarebbero conservate le spoglie di Virgilio, all’interno di un colombario che è una costruzione funebre assai diffusa in età romana e avente questo nome per le olte nicchie in esso contenute. All’ interno del parco è anche l’ingresso della Crypta Neapolitana, che aveva la funzione di collegare velocemente Neapolis a Pozzuoli.  Un po’ più giù si trova la tomba di Giacomo Leopardi. Dal Parco ci si sposterà  lungo le strade di Mergellina fino ad arrivare alla zona della Torretta, per raccontare le storie di uno dei luoghi più affascinanti di Napoli, tra pirati e nobili, scrittori e pescatori, arte e architettura, che da secoli non cessano di regalare stupore.

Programma

***************************

domenica 5 luglio

Mattina: Napoli fuori le mura: passeggiando tra Tarsia, Ventaglieri e Pontecorvo

La Cooperativa SIRE propone un itinerario in discesa che da piazza Mazzini conduce a Montesanto attraverso vicoli che oggi sono parte integrante, anche se meno nota, della città ma che sono stati in passato sentieri di collegamento tra la zona collinare e la Napoli entro le mura, ospitando per la salubrità dell’aria e la bellezza del panorama ordini monastici e famiglie nobiliari i cui nomi hanno lascito il segno nella toponomastica locale. Via Tarsia con il palazzo Spinelli, via Ventaglieri, salita Pontecorvo, sono i vicoli posti tra l’antica Infrascata e la Pignasecca, dove, tra frammenti di street art e scorci panoramici, edicole sacre e fondaci, scopriremo una Napoli antica, fatta di leggende e culti pagani e cristiani, che quotidianamente si rinnova.

Programma

***************************

venerdì 10 luglio

POMERIGGIO_Passeggiando tra natura e mito verso il faro di Capo Miseno

Punta estrema della caldera dei Campi Flegrei, Capo Miseno rappresenta un antico edificio vulcanico adesso ricco di vegetazione, dai terrazzamenti coltivati a vigneto e frutteto si passa al fitto bosco e alla macchia mediterranea.
Diffuso è l’asfodelo, anticamente i greci usavano piantare gli asfodeli sulle tombe, considerando i prati di asfodelo il soggiorno dei morti.
Dalla spiaggia di Miseno si percorrono le stradine della frazione fino all’inizio del tunnel che porta al faro, da qui si risale sulla destra dove si incontra il sentiero lastricato di blocchi di tufo che ci porta in cima a circa 150 m.
Proseguendo il sentiero diventa panoramico affacciandosi prima verso la spiaggia di Miseno e poi verso il Golfo di Pozzuoli. Lungo il percorso di ritorno si passa davanti la Chiesa di San Sossio e il Sacello degli Augustali.

Programma

***************************

sabato 11 luglio

POMERIGGIO_Antignano e San Gennaro: il borgo e i luoghi del Santo

La Cooperativa SIRE vi propone un percorso tra le strade del Vomero alla ricerca delle sue radici storiche, incrociando luoghi legati al culto del Santo patrono di Napoli che proprio in collina testimoniano alcuni momenti importanti del fortissimo legame con la città e i suoi abitanti. Un itinerario che condurrà tra le strade di quello che era l’antico borgo di Antignano, nucleo rurale che si trovava lungo la strada che in antichità collegava Napoli e Pozzuoli e che nel Medioevo si trasforma in uno dei casali della città. Un nucleo antico che si lega alla storia di San Gennaro , il cui culto trova tra queste strade momenti di intensa devozione, testimoniata da diverse opere che oggi si trovano immerse nella città moderna ma legate alla vicenda millenaria del Santo.

Programma

***************************

domenica 12 luglio

MATTINA_La Sanità che non ti aspetti: dal vicolo della cultura a San Severo fuori le mura

La Cooperativa Sire vi accompagnerà in una piacevole mattinata alla scoperta dei luoghi meno noti del Rione Sanità, vicoli come via dei Cristallini e via Santa Maria Antesaecula.
Percorreremo via Montesilvano, rinominata a fine dicembre 2019 vicolo della cultura: qui tra murales colorati dei personaggi come Totò, Pino Daniele, Sophia Loren e Peppino De Filippo, proprio in prossimità di alcuni dei beni confiscati negli anni alla camorra, è stata allestita una biblioteca fatta da piccole edicole culturali, contenenti di libri distribuiti in forma gratuita.  La visita proseguirà presso la chiesa di San Severo fuori le mura, piccolo gioiello da poco restaurato, dedicata al santo tra i primi vescovi della città, e presso le strade ricche di storia che ricordano la presenza del collegio dei cinesi a Napoli!

Programma

***************************

sabato 18 luglio

POMERIGGIO_Passeggiando fuori le mura: da Materdei alla Costagliola

Un sabato pomeriggio alla scoperta di due zone poco note di Napoli nate come borghi fuori le mura della città, molto interessanti dal punto di vista artistico ed urbanistico. Partiremo dal rione Materdei e dalle sue bellezza antiche e contemporanee, come l’antica guglia dell’Immacolata ed il Murales Partenope  dell’argentino Bosoletti. La visita proseguirà poi attraverso l’antica Infrascata – oggi Salvator Rosa – al colle della Costagliola.  Ci soffermeremo sui suoi vicoli ed i palazzi, spesso progettati ed abitati da importanti architetti.

Programma

***************************

domenica 19 luglio

MATTINA_Monastero di Santa Chiara: chiesa, chiostro, terme romane e Museo dell’Opera

La visita guidata riguarderà uno dei più grandi complessi monastici della città di Napoli, che si snoda all’interno della cittadella francescana. Dal XIV sec. la sua imponenza e la sua bellezza affascinano tutti coloro che vi si imbattono. Il Complesso Monumentale di S. Chiara fu innalzato dal 1310 al 1328 per volere del monarca Roberto D’Angiò e di sua moglie Sancia di Maiorca. I sovrani, entrambi devoti a San Francesco di Assisi e a Santa Chiara, vollero costruire una cittadella francescana che accogliesse nel monastero le Clarisse e nel convento adiacente i Frati Minori. Oggi visitarlo significa ammirare la magnifica basilica, dove Giotto operò con la sua maestria, attraversarne la storia con il Museo dell’Opera e l’Area Archeologica, restare stupiti dal bellissimo Chiostro Maiolicato e soffermarsi nella contemplazione della Sala del Presepe del ‘700.  Compreso all’interno del monastero è anche il complesso termale costituito da diversi ambienti termali e rappresenta tuttora il più completo esempio di thermae documentato a Neapolis.

Programma

***************************

sabato 25 luglio

Pomeriggio_Alla scoperta dell’antica Arenella: itinerario tra le strade della Napoli collinare

Un percorso che ci condurrà lungo le strade del quartiere collinare dell’Arenella, ai confini con il Vomero, poco abitato e molto rurale fino agli inizi del Novecento. Andremo alla scoperta dei suoi nuclei più antichi come la zona di Due Porte all’Arenella, raccontando di contadini e nobili, masserie e ville, arte e scienza, tra panorami inaspettati del Golfo di Napoli e sguardi insoliti sulla città bassa. Un racconto che si snoderà lungo il versante della collina fino a Materdei, attraversando i secoli fino ad incontrare la storia più recente di Napoli, seguendo strade poco battute dalla nostra frenesia moderna.

Programma

***************************

domenica 26 luglio

Mattina_Storie certosine: visita alla Certosa e alla Pedamentina di San Martino

La Cooperativa Sire vi invita a visitare la Certosa di San Martino: fondata nel 1325 per volere di Carlo duca di Calabria, figlio del sovrano Roberto d’Angiò, rappresenta uno dei più preziosi esempi di architettura e arte barocca a Napoli. La visita permetterà di scoprire come vivevano i certosini all’interno del complesso, in luoghi come la sala del Capitolo, il parlatorio, la sagrestia, il chiostro del Fanzago. Sarà inoltre possibile ammirare la più ricca collezione di presepi presente in italia. Dalla collina di San Martino, scenderemo a Corso Vittorio Emanuele attraverso l’antica strada della Pedamentina, il più antico percorso verticale napoletano, caratterizzata da alcuni tra i più bei scorci dello skyline partenopeo.

Programma

Giugno

giugno 13, 2020

domenica 21 giugno

POMERIGGIO_Passeggiata nel mito: al tramonto sulle sponde del lago d’Averno

L’Associazione Natura Sottosopra e la Cooperativa Sire vi invitano a trascorrere una serata al tramonto tra archeologia, mito e natura lungo le sponde del lago d’Averno, alla scoperta della sua storia, della sua flora e fauna.  I nostri esperti vi illustreranno le caratteristiche peculiari delle diverse specie tipiche della macchia mediterranea che crescono sulle sponde del lago e dei miti che lo hanno avvolto nei secoli. Partendo dal Lucrino, utilizzato già in epoca romana per l’allevamento di pesci, scopriremo come in questo luogo dimorava, secondo Virgilio, il culto oracolare della Sibilla, come fu in età romana parte dell’enorme complesso militare del Portus Iulis ma anche complesso termale, testimoniato dai resti del cosiddetto Tempio di Apollo.

Programma

**************************

Sabato 27 giugno

POMERIGGIO: Le vie del Liberty, passeggiata nello stile floreale napoletano

La Cooperativa Sire vi accompagnerà in un percorso in discesa che dal Vomero arriverà a piazza Amedeo attraversando alcune delle più belle vie del Liberty napoletano: da via Palizzi a via del Parco Margherita. Attraverso queste panoramiche arterie cittadine avremo la possibilità di scoprire lo stile simbolo dell’inizio dell’inizio del Novecento, che a Napoli si è espresso soprattutto attraverso l’architettura, incrociandosi con lo stile eclettico di fine Ottocento: linee morbide e sinuose, forme floreali, colori vivaci, ferro battuto e vetro sono gli elementi principali che caratterizzeranno gli edifici sorti nei nuovi quartieri residenziali sorti tra la collina del Vomero e la parte alta di Chiaia, specchio di una società in evoluzione, dove si affermano nuovi protagonisti della vita civile.

Programma

Domenica 28 giugno

MATTINA: La Pietrasanta: nuovo percorso nell’acquedotto di Neapolis

La cooperativa Sire vi invita a partecipare ad un nuovo appuntamento di visita nei sotterranei della Basilica di Santa Maria Maggiore della Pietrasanta, arricchito da un nuovo percorso inaugurato da qualche giorno. Il cancello chiuso che concludeva il tour si è aperto ed è ora possibile attraversare una parte dell’acquedotto greco-romano dell’Antica Neapolis, che affascina il visitatore sin dai nomi delle sale che si susseguono in questo decumano sotterraneo lungo quasi un chilometro: dalla Cisterna dei Pozzari all’Archivio di Tufo passando per la Piscina del Principe. Un viaggio fatto di epoche e personaggi storici che si intersecano con la storia della città di Napoli, protagonista e proscenio di questo racconto senza tempo.

Programma

Sire Coop #restiamoacasa

marzo 11, 2020

inv.9084-mosaici-museo-napoli-1020x1024Cari amici,

le attività della cooperativa sono naturalmente sospese in questo periodo di emergenza.

Siamo vicini a tutti coloro che stanno vivendo momenti di difficoltà, invitandoli a resistere e a non farsi abbattere.In questo periodo, tenere le distanze è il segno della cura e del rispetto che abbiamo per gli altri.

Se volete, potete seguirci sulla pagina Facebook Sire Coop o sul questo blog, dove abbiamo pensato di pubblicare periodicamente dei post per farvi e farci un po’ di compagnia con racconti sulle meraviglie della Campania, cominciando da giovedì 12 marzo, nella sezione Sire Coop #restiamoacasa.

Ci auguriamo che, grazie alla collaborazione di tutti, questo periodo finisca al più presto così da poter godere di nuovo delle bellezze della nostra regione e dell’Italia intera.

#restiamoacasa